Liceo Ariosto Ferrara

PROGETTIAMO I PROSSIMI CENTOCINQUANTANNI

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Warning
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito usa cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Usando il sito acconsenti che questo tipo di cookie siano caricati sul tuo computer.

    Leggi l'informativa privacy

L’Hortus Siccus del Liceo

E-mail Stampa

Progetto di Recupero e Valorizzazione degli Erbari Storici dell’Antico Gabinetto di Storia Naturale del Regio Liceo L. Ariosto di Ferrara

Frutto del prezioso lavoro delle docenti Chieregato, Brugnatti e Colombani, della collaborazione qualificata del Laboratorio di Ecologia Vegetale dell’Università di Ferrara diretto dal prof. Renato Gerdol - attraverso la consulenza scientifica della dott.ssa Lisa Brancaleoni - e del sostegno economico della Fondazione CARIFE, il progetto Naturalia si è proposto in questi anni il recupero conservativo e la valorizzazione degli erbari storici che provengono dall’antico Gabinetto di Storia Naturale del Regio Liceo.
Questi reperti di erbario, messi a disposizione degli studenti sotto la guida delle insegnanti, sono diventati un luogo di esperienza attiva nei corsi pomeridiani organizzati negli ultimi anni scolastici. Infatti, come richiamato nel Piano dell’Offerta Formativa del nostro liceo, la didattica laboratoriale consente una sistematica integrazione del sapere e del fare, delle conoscenze teoriche e della dimensione pratico-operativa. Questo ha significato costruire occasioni e situazioni di studio e di lavoro, di sperimentazione ed interazione, in cui gli studenti sono stati chiamati ad assumere un atteggiamento attivo diventando protagonisti della progettazione, dell’esecuzione, della verifica e dell’interpretazione del prodotto finale.
Il risultato che si ottiene va ben oltre il lavoro didattico svolto poiché, attraverso l’esperienza realizzata, si sono create le condizioni per lo sviluppo di abilità e competenze di tipo “trasversale” che hanno aumentato la motivazione degli studenti e determinato una maggiore capacità di riflessione su se stessi, sulle abilità e sugli interessi favorendo una migliore consapevolezza rispetto alle scelte post-diploma. 

Mara Salvi
Dirigente Scolastico Liceo Ariosto Ferrara

 La maggior parte degli erbari, quasi tutti censiti nell’Index Herbariorum, si trova presso Dipartimenti universitari, Orti Botanici e Musei di storia naturale. Altri erbari, anche piuttosto antichi, sono però dispersi in diverse strutture pubbliche, soprattutto Istituti scolastici, ma anche Archivi e Biblioteche, o presso privati. Il recupero e la valorizzazione di queste raccolte è un’operazione importante dal punto di vista culturale, scientifico e anche didattico. Culturalmente, il recupero di erbari poco noti rappresenta un arricchimento di archivi di importanza storica. Scientificamente, i campioni custoditi in queste raccolte possono integrare e affinare i risultati delle ricerche scientifiche sopra illustrate. Didatticamente, il coinvolgimento di non addetti ai lavori – studenti della scuola primaria e secondaria – ma anche appassionati e cultori delle discipline botaniche contribuisce alla diffusione delle conoscenze scientifiche in campo botanico. Tutte queste ragioni testimoniano l’importanza dell’iniziativa promossa dal Liceo Ariosto che l’Università degli Studi di Ferrara, per il tramite del gruppo di ricerca da me coordinato, ha ben volentieri assistito e supportato.

Renato Gerdol
Prof. Ord. Dipartimento di Biologia ed Evoluzione, Sez. di Biologia Ambientale, Università degli Studi di Ferrara

Fondazione CARIFE Università di Ferrara

Orto Botanico di Ferrara

Sei qui: Attività e progetti L’Hortus Siccus del Liceo